Oggi e' il decimo giorno della seconda decade del mese di Nightal - L'abbassamento
1390 CV -

WikiToril

WikiToril

In continuo aggiornamento la WikiToril è in grado di fornirti tutte le informazioni relative ad Abeir-Toril.

Per iniziare a giocare con noi

inizia_giocoBenvenuto giovane avventuriero. Qui troverai tutto il necessario per poter giocare con noi.

Server Status

Server 1: offline
194.69.193.75:5121


Server 3: offline
194.69.193.75:5123


GLM: offline
194.69.193.75:5122


Pg Online

Login

         | 

Ghiaccio nel Deserto/2

Il viaggio consisteva in un’iniziale spostamento di avvicinamento per raggiungere i confini del deserto,da li avrebbero imboccato la Via Nera, la stessa rotta che avevano ripulito dagli Zentharim con l’aiuto della città di Shade, alla ricerca delle carovane sospette del Trono di Ferro e della loro preda, Rionda Menunos.
E finalmente giunsero al confine, la vera missione iniziava ora.

La notte era calata, la notte prima della missione, la notte che porta il consiglio. Scivolò in meditazione secondo il metodo proprio del suo ordine, una meditazione che nel contempo stesso era una preghiera. Doveva ascoltare il suo corpo per affrontare al meglio le situazioni a venire, anche se pensieri estranei lo turbavano. Li ricaccio, quella notte era la notte di preparazione al lavoro.
Osservò le sue mani mentre nella sua mente cercava di percepirne ogni minima sensazione, quelle stesse mani che potevano colpire con una forza di impatto superiore a una mazza da guerra e con la velocità dello scatto di un predatore. Tolse i guanti, gli ordini erano stati precisi, in questa missione il suo compito non era quello di uccidere.
Quelle mani che in quegli anni avevano spento numerose vite, senza distinzione di razza, di sesso o di età, questa volta dovevano essere sigillate. Avrebbe dovuto controllare al millimetro i suoi movimenti per non causare danni mortali, e i poteri dei suoi guanti da combattimento erano di intralcio, avrebbe usato solo le mani nude, solo la sua tecnica delle armoniche e nulla più.
Tutto ciò che avrebbe fatto l’indomani in quel viaggio sarebbe stato ridurre all’incoscienza qualsiasi avversario tanto stupido da opporsi sul cammino dei Legittimi Agenti del Trono del Ferro del Gate, e null’altro, non avrebbe ucciso quel giorno, ma solo portato l’Oblio.
Quelli erano i suoi ordini di ingaggio per quella missione.

  Gli eventi quel giorno si susseguirono piuttosto vertiginosamente, e diversamente da quello che il gruppo si aspettava.

Un brutto presentimento era nato nella mente dell'elfa già dalla sera prima, ripensando all'arrivo di Maredy nelle loro vite e di come si era imposto nei loro confronti.                     

C'era  qualcosa che non quadrava, le informazioni erano poche, vaghe e senza alcun fondamento.

Come potevano credere ad un completo sconosciuto? Perchè dopo anni di silenzio solo ora qualcuno si era fatto avanti e proprio quando Noril stava per prendere le redini della sede di Baldur's Gate?

Quando irruppero nella tenda nessuno di loro era pronto alla scena che videro: Rionda stava eseguendo un rituale per evocare un diavolo, che già stava facendo la sua comparsa     all'interno del cerchio di evocazione. Senza esitazione Amra immobilizzò l'uomo, ponendo fine al rituale in corso, e facendo dissolvere il corpo dell'esterno. Solo a rituale completo la maga potè esaminare meglio quanto era accaduto e solo allora notò il medaglione che Rionda portava al collo, un medaglione in grado di alterare il suo aspetto, e che la lasciò perplessa. Senza attende oltre glielo rimosse rivelando la vera forma dietro le sembianze di Rionda. Grande fu il loro stupore quando al posto dell'uomo si ritrovarono di fronte un gigante del gelo, ancora immabole per l'incantesimo di costrizione.

http://www.clanrealm.net/Nord/Pantheon/Thrym.gif

 

La Maestra del sapere fece appena in tempo a raccogliere il libro che il gigante stava utilizzando per il rituale, che il gruppo si ritrovò circondato da agenti del Trono e Maghi Rossi. I sospetti di Amra divennero fondati quando dalla folla si fece avanti il mezz'elfo, con il suo ghigno soddisfatto. Maredy aveva intenzione di prendere il comando della sede a Baldur's Gate, soggiogando il gruppo ai suoi capricci e lasciandoli consapevoli di aver perso tutto il loro lavoro, sudato in anni di paziente attività. L'elfa non poteva crederci, non voleva crederci. Concentrando tutte le sue forze in quell'incantesimo la maga puntò il suo dito in direzione del mezz'elfo. Nei suoi occhi verdi solo una fredda determinazione; non avrebbe perso un'altra volta... Il corpo si afflosciò a terra senza vita; alcuni attimi di silenzio seguirono la sconfitta del mezz'elfo, attimi in cui la maga razzionalizzò quanto era successo.

 

Poi guardò il gruppo che ancora li stava accerchiando, che immediatamente si fece da parte. Proprio in quel momnento l'incantesimo sul gigante si saurì, e l'immensa figura si fece avanti osservando in silenzio quanto aveva davanti agli occhi.
Ascoltarono così tutta la storia, quella storia che era stata taciuta loro per tanto tempo e di cui ora facevano parte. Non era tutto perduto, Sfena poteva ancora essere riportata sul piano materiale e l'elfa avrebbe fatto tutto quanto in suo potere per permetterne il ritorno. Il gigante infine se ne andò, lasciando ufficialmente a Noril il comando dell'organizzazione. Il gruppo fece così ritorno a casa, colmo di dubbi e di perplessità, ma con finalmente in mano la storia riguardante le radici del Trono di Ferro.

 

 



You have no rights to post comments